Rogo

Con un decreto della sua Amministrazione, Trump impedisce alla massima Autorità Sanitaria degli USA (Centre Disease Control) di utilizzare sette parole “pericolose” nei documenti ufficiali (Fetus, transgender, vulnerable, diversity, evidence-based, science-based, entitlement). Dal bruciare parole singole al rogo dei libri, purtroppo, il passo è breve.
Testo e vignetta di GianFranco Uber

Articolo del New-York Times https://www.nytimes.com/2017/12/16/health/cdc-trump-banned-words.html

Seguiteci sui social network:

Autore

Economista e storico, direttore del centro LIBREPRESSION, Fondazione Giuseppe di Vagno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *