Risate Sfacciate (1) – Essere donna

© Tjeerd Royaards

Proseguiamo la pubblicazione delle vignette della conferenza “Risate sfacciate” del festival Internazionale a Ferrara 2018, #intfe, illustrata dalle vignette: Marilena Nardi, Zainab Fasiki e Anne Derenne. Ha affrontato quattro temi: (1) Essere Donna, (2) Molestie, (3) Violenza, (4) Resistenza. Ecco la prima parte:


Essere donna è difficile da immaginare da parte degli uomini. E forse spiega la sua leggerezza dell’uomo nel confronto della donna. Se le donne si riconosceranno nelle vignette presentate, forse per gli uomini, le statistiche delle Nazioni Unite http://www.unwomen.org  e quelle dell’Unione Europea https://ec.europa.eu/eurostat/statistics-explained/index.php/Gender_statisticspossono darne un’idea – al meno quella quantificabile – di quello che vuol dire essere donna in un mondo maschilista:
– Il tasso di occupazione femminile è inferiore e il tasso di lavoro a tempo parziale superiore;
– Nell’Ue, a lavoro identico, le donne sono pagate 16 % in meno degli uomini;
– Combinando i vari indicatori del lavoro l’indice complessivo di disuguaglianza è in media di meno 40 % (di 43,7 % in Italia e di 31,1 % in Francia).
– Eppure, le donne sono più diplomate che gli uomini. In media europea se 40% delle persone hanno un diploma sono 50% le donne.


– Nonostante questa superiorità nelle qualificazioni, gli uomini sono in grande maggioranza nel top-management: 65 % contro 35 % nell’EU-28, con grande disparità nei vari paesi membri. In Italia, solo 13 % del top management è femminile con una differenza di stipendio di 33 %. In Francia, sono 40% le donne nel top management ma con una differenza di stipendio di 21 %.

 

 

© Zainab Fasiki
Il peso degli stereotipi e obblighi vari

Tuttavia, aldilà delle statistiche pesano sulle donne molti stereotipi: che sia sulla loro debolezza fisica, la loro tendenza a piangere (se un uomo piange è considerato come una femminuccia), la pesantezza dell’immagine della donna nella pubblicità (o basato sul sex-appeal o sul ruolo materno), l’obbligo di rispondere a stereotipi, la pesantezza dell’educazione e della famiglia,

© Zainab Fasiki

E spesso delle madre che perpetuano il modello maschilista, ecc.


Forse è per vendicarsi di tale disuguaglianze che le donne vivono più a lungo degli uomini: la media Europea di tempo de vita (uomini e donne) è di 80 anni, per le donne è di 84,7 anni!

Seguiteci sui social network:

Autore

Economista e storico, direttore del centro LIBREPRESSION, Fondazione Giuseppe di Vagno

Commenti

    zvodretiluret

    (ottobre 18, 2018 - 1:13 am)

    What i don’t understood is actually how you’re not actually much more well-liked than you might be right now. You’re so intelligent. You realize therefore considerably relating to this subject, produced me personally consider it from a lot of varied angles. Its like women and men aren’t fascinated unless it’s one thing to do with Lady gaga! Your own stuffs nice. Always maintain it up!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *